Per dare speranza a tante mamme come Angela e nuove idee e volontà di agire e a tutti gli specialisti delle ASL, abbiamo preso contatto con il Melograno.
Ecco come è organizzato.

La casa, proprietà dell’ASL RM B, è semplice, ma grande abbastanza per una dozzina di persone, senza lusso ma ben tenuta e arredata in maniera simpatica e pratica.
Qui vivono Roberto, un’altra ragazza gravemente disabile e sette giovani più autonomi che svolgono attività diverse all’esterno e insieme partecipano alle faccende di casa.
Il personale è costituito da quindici assistenti domiciliari presenti a turno (tre durante il giorno e due durante la notte) e saltuariamente da un educatore di comunità. Le pulizie dei locali sono svolte da un’impresa.
Gli assistenti domiciliari provengono da due cooperative (Cospexa e Iskra) che lavorano per l’ASL RM B, le quali per realizzare questo progetto, si sono costituite in associazione temporanea d’impresa, il cui presidente ha la funzione di collegamento fra l’équipe della ASL gli operatori e gli ospiti.
L’équipe dell’ASL è costituita da una assistente sociale, da un’assistente sanitaria, da una educatrice e dalla Dott. Sarti.
Il referente di questa iniziativa come di tutte le altre esistenti nell’VIII Circoscrizione del Comune, è il dr. Silvestro Dedalo, direttore del III Distretto ASL.
Il Comune di Roma, versa alla ASL secondo la convenzione stabilita, le risorse finanziarie per la gestione della Comunità. La retta giornaliera per i due più gravi è di L. 210.000 e di L. 160.000 per gli altri ospiti.
Il presidente dell’Associazione è responsabile della gestione della vita quotidiana della comunità cioè delle attività e dei metodi educativi, in stretto legame con i membri dell’équipe e gli operatori, tramite una riunione mensile o bimensile: in questa riunione si preparano e discutono i progetti individuali sui singoli ospiti e le attività comunitarie.

Il Melograno – V. degli Albatri, 26 – 00169 Roma

Nicole Schulthes, 1998

Nicole Marie Therese Tirard Schultes
Ha studiato Ergoterapia in Francia e negli Stati Uniti, co-fondando nel 1961 l'Association Nationale Francaise des Ergotherapeutes, (ANFE).
Trasferitasi a Roma, incontra Mariangela Bertolini e insieme avviano nel 1971, su invito di Marie-Hélène Mathieu, le attività di Fede e Luce e partecipano all'organizzazione del pellegrinaggio dell'Anno Santo del 1975. Dal 1983 al 2004 cura con Mariangela la rivista Ombre e Luci. Per anni ha organizzato il campo estivo per bambini e famiglie sul campus della scuola Mary Mount a Roma.

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n.63, 1998

Sommario

Editoriale

Sapersi meravigliare di M. Bertolini

Il melograno

Roberto trova un'altra casa di L. Cusimano
Ora può riposare di M. I. Sarti
Roberto, chi sei? di M. Cusimano
Giorno di festa al Melograno di N. Schulthes

Altri articoli

Impossibile tacere
Isolamento infranto di A.M. Vexiau
Sinceramente increduli di C. Colaizzi
Catechesi facilitata di Don A. Lonardo
I nostri grandi amici: Maria Teresa di B. Morgand e N. Herrenschmidt
Congresso mondiale dei movimenti ecclesiastici 1998a cura di D. Mitolo

Libri

Hikari – «Una famiglia», O. Kenzabuto

Rubriche

Dialogo aperto
Vita Fede e Luce

Giorno di festa al Melograno ultima modifica: 1998-09-28T13:56:22+00:00 da Nicole Schulthes
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi