Me lo sento addosso lo sguardo degli altri. Quegli occhi di diffidenza, di curiosità, di timore. Quegli occhi fissi che cercano di decifrare, di capire, mentre io, il mio fratello, cerco di proteggerlo.
Qualche volta c’è chi lo prende in giro… cosa permessa solo a chi gli vuole bene. Aqli estranei NO…
Il mio sguardo diventa feroce.
I bambini sono attratti, sentono l’affi nità della sua anima pura e giocano con la sua pancia, con le sue mani.
Alcuni però mostrano una insistente curiosità e un po’ di paura per quel gigan te (buono) che gli si avvicina presentandosi con la mano tesa.
Spesso rimango felicemente sorpresa dalla disponibilità e dalla sensibilità degli «altri». Gli si avvicinano sorridendo, rispondendo al suo saluto, gli regalano una cara mella. un fiore o solamente un po’ della loro attenzione.

Stefania, 1996

Lo sguardo degli altri ultima modifica: 1996-12-15T16:31:21+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi