Circa trent’anni fa, al nostro centro catechistico di Parigi, organizzammo una riunione di studio sulla catechesi per i bambini che oggi sono chiamati «autistici». A questo incontro ebbi l’audacia di invitare, oltre ai catechisti «di base», uno dei più celebri psichiatri infantili dell’epoca. Sapevo che era anche un fervente cristiano. Al suo arrivo l’illustre professore ci dichiarò con fare «dottorale»: «Bisogna distinguere con molta cura i bambini che presentano sintomi psicotici e quelli che sono veramente autistici. I primi possono avere beneficio da un po’ di educazione religiosa. Per i secondi, ciò è impossibile».

Aggiunse: «Mi occupo in questo momento di un ragazzo che fa parte appunto di quelli per cui non c’è niente da fare in materia di risveglio religioso». E ci descrisse «il caso» in questione.

Quando ebbe finito, una catechista prese timidamente la parola: «Scusi, professore, ma credo di conoscere questo ragazzo…» Diede qualche dettaglio che permise di identificare perfettamente il bambino e aggiunse: «Sono due anni che lo seguo nella catechesi ed ecco cosa abbiamo fatto insieme». Seguì la storia appassionante di questo cammino religioso. Il «grande capo» ascoltava con estrema attenzione… Quando il racconto finì la mia ammirazione per lui diventò ancora più grande, per- ché si rivolse a me ed esclamò: «Ma questa riunione è interessantissima! Quando ce ne saranno altre la prego di invitar mi di nuovo!»

Un mondo nascosto

Nella sua umiltà di vero scienziato il grande maestro riconosceva di avere scoperto in quel momento ciò che l’esperienza aveva rivelato a noi tutti impegnati nella catechesi dei giovani autisti ci; e cioè che essi possono ricevere – in particolare in campo religioso – molto di più di ciò che appare. Quando il velo si solleva anche per un solo istante, là dove sembrava non accadere niente, si intravede un mondo interiore di cui non si sospettava l’esistenza. A volte è soltanto una parola o un atteggiamento, ma quante cose dicono a chi, come noi, rifiuta di emettere giudizi a priori ed è aperto a tutto ciò che può accadere nel mistero!

Ne è una prova, fra tante altre, ciò che Birger Sellin (1) un giorno ci insegnò e ci fece conoscere del suo mondo interiore, della sua «anima prigioniera», con gran stupore di chi lo conosceva. Nel libro che scrisse trovammo almeno una ventina di riferimenti religiosi. Erano paragrafi brevi, a volte ridotti a poche parole.

Quanto avremmo desiderato di saper- ne di più! Certe parole esprimevano un dolore, una inquietudine che ci chiedeva una risposta e ci diceva che per Birger la dimensione religiosa era importante e che nelle profondità di se stesso egli si interrogava sulla sua relazione con Dio.

Non rinunciare

Certo non è cosa da poco fare la catechesi ad un giovane autistico. Spesso si potrà avere l’impressione che non succeda niente. Dopo più di quarantacinque anni di tentativi di parlare dell’esistenza di un Dio d’Amore a dei giovani autistici avremmo potuto avere la tentazione di rinunciarvi… Questo non è mai accaduto e, se a volte siamo stati costretti a soprassedere per qualche tempo, l’abbiamo fatto con l’intenzione di riprendere al più presto i nostri tentativi. .. Per esempio quando un giovane autistico non riusciva a star fermo o disturbava troppo il gruppo con le sue grida o quando con le sue aggressioni metteva in pericolo le persone che lo circondavano. In questi casi abbiamo avviato una catechesi individuale, oppure, se necessario, abbiamo aumentato la nostra équipe per affrontare meglio le difficoltà ed essere in grado di prenderci cura di ognuno. Ma non abbiamo mai pensato che ogni sforzo fosse inutile o inopportuno. Quanta gioia abbiamo provato nel constatare che questi giovani autistici sentivano, anche se quasi di nascosto, che tutto questo li riguardava e li rendeva felici! Mi limiterò a riportarne un piccolo esempio.

Un’adolescente che «non parla»

Giovanna ha quattordici anni. Nella scuola speciale dove vive è considerata un’autistica tipica. Ce l’avevano descritta specificando che non parlava, non guarda- va le persone in faccia e disturbava il gruppo con il suo vagare qua e là e il suo canticchiare senza parole, armonioso, ma alla lunga fastidioso… Siamo stati un po’ incerti se accettarla nel nostro gruppo di catechesi perché dicevano che era invadente e non dava segni di essere in grado di beneficiare di una formazione religiosa. Alla fine l’abbiamo ammessa e lei ha dimostrato di essere molto meno difficile di ciò che temevamo. Bisognava soltanto adattarsi al suo comportamento (ogni tanto ci accaparrava e ogni tanto ci rifiutava) e fare attenzione, quando non era «appesa» a qualcuno, che non scappasse. Ma aveva l’aria di essere così felice quando era con noi che un altro problema che si presentò fu quello di convincerla gentilmente ad andarsene dopo le riunioni. Una mattina avevamo scelto come tema dell’incontro: «Gesù ci rivela l’amore di Dio, nostro Padre». Una catechista ci fece ascoltare il canto «Padre, sono tuo figlio…» poi incominciarono le varie attività… Al momento di uscire quale fu la mia sorpresa quando, mentre accompagnavo Giovanna all’ingresso, sentii che stava cantando, quasi sottovoce ma distintamente, non soltanto con la melodia ma con le parole, l’inno con il quale avevamo iniziato la riunione: «Padre, sono tuo figlio! Ho mille prove del tuo amore…» Uscii più convinto che mai che anche i giovani autistici hanno molto da insegnarci sui misteri di Dio.

(1) Persona autistica che dopo diciassette anni di mutismo patologico, grazie all’approccio della «comunicazione facilitata», ha rivelato la ricchezza della sua interiorità. Birger Sellin: «Prigioniero di me stesso» Edizioni Boringhieri, 1995.

– Henri Bissonier, 1996 (Ombres et Lumière n. 113)

Il Padre Henri Bissonier è senza dubbio un’autorità nel campo della catechesi delle persone con handicap mentale.
Ha scritto molti libri e articoli, ha insegnato in numerose università, ha fondato e diretto Movimenti nazionali e internazionali di persone con handicap.
Ma non ha fatto solo teoria: provato, fin da bambino, nella malattia, a diciannove anni scopre, nei grandi sanatori delle Alpi, l'esclusione sociale e la desolazione spirituale del mondo dei malati.
Fin dalla sua ordinazione nel 1935, impegna tutta la sua vita di sacerdote in una lotta quotidiana per la difesa dei diritti delle persone con handicap, per il riconoscimento della loro dignità, per il loro inserimento nella vita sociale e nella comunità cristiana.
È stato il pioniere in Francia della catechesi delle persone handicappate entrando con tutta la forza della sua speranza e la sensibilità del suo cuore nel mondo triste e chiuso di un ospedale pubblico dove «vivevano» delle giovani e delle ragazze handicappate mentali.

Henri Bissonier

Sacerdote

L'archivio di Ombre e Luci

Dossier Catechesi

Oggi le persone con handicap sono sempre di più integrate nella Chiesa. Ma quanti sforzi e quanta speranza sono ancora necessari affinché trovino il loro posto naturale nelle parrocchie e ricevano la vita di Dio... continua

Riflessioni

Al primo posto di Stefano Desmazieres
Pietre di paragone di Padre Joseph Mihelcic s.j.
Abbiamo tutti bisogno dei sacramenti di Padre Luciano Larivera
La tua Parola è per tutti di Lucia Bertolini
Dio non fa differenze di Marie Hélène Mathieu

Percorsi

Catechesi anche per le persone autistiche di Henri Bissonier
Come preparare al sacramento di Paul Gilbert
Confessione di Tana Pelagallo
Il nostro cammino di Tommaso Bertolini
Catechesi facilitata di don Andrea Lonardo
Come rendere viva la messa di Padre Noel Simard

Testimonianze

Temevo di non essere accettata come catechista di Gaia Valmarin
Vieni, spirito di vita di Silvia e Monica
Ho camminato vicino a Marco di Roberta Tarantino
La loro e la nostra cresima di Pietro Vetro
Tenendoci per mano di Luca Dominici
...E aspettò che ci accorgessimo di lui di don Vito Palmisano

 

Altri dossier

Autismo

Chi ha avuto un figlio autistico, chi ha diviso la sua vita insieme ad un ragazzo con questo tipo di problemi, sa. Chi non ha vissuto questa esperienza non può sapere... continua

Noi Papà

Sono spesso criticati o presi in giro dalle mamme per la loro incompetenza nell’accudire un figlio appena nato; sono giudicati severamente dalle mogli più buone quando, invece di rimproverare, si fanno partecipi del chiasso o del disordine al momento di andare a tavola... continua

Catechesi anche per le persone autistiche ultima modifica: 1996-09-22T12:59:53+00:00 da Henri Bissonier
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi