Eravamo insieme in oratorio quando padre Pietro, il nostro assistente spirituale di comunità, ce lo ha proposto. Marco esplorava la fede con la curiosità e la testardaggine che lo caratterizzano, mentre io navigavo i miei soliti mari inquieti. Abbiamo accettato, non senza qualche dubbio, tenendoci per mano.
Abbiamo camminato insieme durante gli incontri di preparazione alla cresima. lo cercavo nella complessità le risposte ai miei quesiti, Marco faceva domande straordinariamente concrete, aderenti alla realtà delle cose vissute, sorprendendomi per la sua capacità di analisi della realtà. A volte mi viene da pensare che i nostri dubbi e le nostre crisi provengono esclusivamente dalla sistematica incapacità di calare la fede nelle nostre vite, o forse, meglio, di calare le nostre vite nella fede.
Abbiamo imparato tutti insieme, anche Pietro che scopriva con noi, giorno dopo giorno, la leggerezza e la forza di una catechesi delle cose semplici. Abbiamo condiviso la nostra crescita con altre persone che come noi facevano il cammino di preparazione, ma che non provenivano dall’esperienza di FL. Credo che fare questa catechesi «normale» e non «speciale» sia stata una grande intuizione (ed abilità) di Pietro.

La cresima deve essere una scelta matura che ci introduce alla responsabilità di essere cristiani: è la consacrazione della propria vita alla Vita

Poi monsignor Riva, il nostro Vescovo, ci ha detto «andate».
Marco mi ha fatto capire che essere cresimato vuoi dire assumere la consapevolezza di essere in comunione in Dio, al di là degli schemi, delle culture e delle complessità. Dio è semplice, e ci aspetta agli incroci della nostra esistenza per fare due chiacchiere mentre attraversiamo la strada.
La cresima è un Sacramento, ovvero un segno sacro della presenza di Dio. Ma è complicato trovare un valore sacramentale in un rito poco scelto. La cresima deve essere una scelta matura che ci introduce alla responsabilità di essere cristiani e non può essere solo un rito: essa è molto di più, è la consacrazione della propria vita alla Vita.

Sebbene Fede e Luce sia un luogo privilegiato dove esprimere la propria cristianità non possiamo limitarci a una generica adesione alla «Ispirazione Cristiana» del movimento: bisogna fare di più, essere profeti, testimoni e maestri, con semplicità e fermezza. È necessario prelevare dalla nostra esperienza di vita accanto ai ragazzi l’energia d’ amore che ci è donata e riversarla all’esterno. Siamo chiamati a essere Sacramenti Viventi.
A me e a Marco piace pensare di essere stati scelti per esserlo insieme.

Luca Dominici, Comunità S. Melania, 1995

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n.52, 1995

Sommario

Editoriale

Quelli più simili a Lui di Mariangela Bertolini

Articoli

Dio non fa differenze di M. H. Mathieu Sacramenti e disabili di P. Henri Bissonier
Luca, mio figlio autistico di M. K.
Cresima insieme tenendoci per mano di L. Dominici
Eucaristia e cresima di Giacomo di P. M. Prunier
Riconciliarsi di S. Murray
Come preparare al sacramento di F. P. Gilbert
Vita cristiana e handicap (articoli di Ombre e Luci 1984-1995)
Centro sperimentale per l’autismo di N. Schulthes
Dopo di noi - Ora so perché pianto dei fiori

Rubriche

Dialogo aperto
Vita Fede e Luce

Vedi anche: Speciale Disabili e Catechesi

Dossier Catechesi

Oggi le persone con handicap sono sempre di più integrate nella Chiesa. Ma quanti sforzi e quanta speranza sono ancora necessari affinché trovino il loro posto naturale nelle parrocchie e ricevano la vita di Dio... continua

Riflessioni

Al primo posto di Stefano Desmazieres
Pietre di paragone di Padre Joseph Mihelcic s.j.
Abbiamo tutti bisogno dei sacramenti di Padre Luciano Larivera
La tua Parola è per tutti di Lucia Bertolini
Dio non fa differenze di Marie Hélène Mathieu

Percorsi

Catechesi anche per le persone autistiche di Henri Bissonier
Come preparare al sacramento di Paul Gilbert
Confessione di Tana Pelagallo
Il nostro cammino di Tommaso Bertolini
Catechesi facilitata di don Andrea Lonardo
Come rendere viva la messa di Padre Noel Simard

Testimonianze

Temevo di non essere accettata come catechista di Gaia Valmarin
Vieni, spirito di vita di Silvia e Monica
Ho camminato vicino a Marco di Roberta Tarantino
La loro e la nostra cresima di Pietro Vetro
Tenendoci per mano di Luca Dominici
...E aspettò che ci accorgessimo di lui di don Vito Palmisano

 

Altri dossier

Autismo

Chi ha avuto un figlio autistico, chi ha diviso la sua vita insieme ad un ragazzo con questo tipo di problemi, sa. Chi non ha vissuto questa esperienza non può sapere... continua

Noi Papà

Sono spesso criticati o presi in giro dalle mamme per la loro incompetenza nell’accudire un figlio appena nato; sono giudicati severamente dalle mogli più buone quando, invece di rimproverare, si fanno partecipi del chiasso o del disordine al momento di andare a tavola... continua

L'archivio di Ombre e Luci

Tenendoci per mano ultima modifica: 1995-12-14T10:00:35+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi