Le domande che avete letto nella pagina precedente sono di genitori. A tutti vorremmo dare una risposta o almeno l’indicazione di un percorso sereno e di una meta possibile.
Dopo una ricerca attenta fra varie proposte sulle quali abbiamo riflettuto a lungo ci è sembrato di trovare la maggior chiarezza di pensiero e la maggior sensibilità nei riguardi dei nostri ragazzi e adulti disabili mentali fra le pagine di questo libro pubblicato di recente: «L’educazione sessuale delle persone handicappate — per un cammino di speranza —» di Vittorio Mariani.
A breve distanza dalla pubblicazione del bel testo dello stesso autore su «L’handicappato mentale adulto» la Casa Editrice ELLE DI CI presenta questo suo nuovo lavoro che ha un tema più specifico ed è di grande attualità. Gliene siamo molto grati.

Il tema è attuale per la necessità che sentiamo tutti, oggi più che mai, di non nascondere e di non nasconderci una realtà che fino a pochi decenni fa veniva liquidata come non esistente o era affrontata di volta in volta con mezzi coercitivi e, non di rado, da incompetenti. È attuale perché proprio oggi la cultura dominante stimola, propone e gestisce una libertà di espressione del corpo che genera confusione, disadattamento e spesso disperazione.
Come comportarsi allora di fronte a un disabile mentale che vive sempre più a contatto con la società, più immerso in essa di quanto non succedesse in passato? Come porsi di fronte alla sua realtà di persona umana, unica e irripetibile, con la sua storia, le sue esigenze, le sue richieste, i suoi affetti, le sue capacità, i suoi doni, e considerarlo per quello che è, nella sua unità e in tutte le sue molteplici dimensioni? Come, in particolare, aiutarlo a gestire la sua vita sessuale?

Vittorio Mariani risponde a tali domande e fa la sua proposta. Ha una lunga esperienza in questo campo: è consulente pedagogico di case d’accoglienza di Don Orione per handicappati, è docente di «Pedagogia sociale» e di «Pedagogia speciale» nei corsi per educatori professionali presso l’E.S.A.E. di Milano ed è collaboratore del «Centro Studi e Ricerche sul Disagio e sul Disadattamento» all’Università Cattolica di Brescia.
È forse tutta questa esperienza, unita a quella di essere fratello di una ragazza disabile, che rende le sue parole cosi chiare e convincenti.
Egli si rivolge ai famigliari, agli operatori, e ai volontari. Distingue tra persone disabili a livello motorio-sensoriale e quelle con deficit intellettivo; insiste per tutti sull’importanza di una educazione sessuale fin dall’infanzia e si sofferma in particolare sull’età adulta; dà indicazioni, sulla base della sua proposta, su manifestazioni sessuali quali il rapporto uomo-donna, l’omosessualità e la masturbazione; offre consigli pratici anche per ciò che riguarda la preparazione che debbono avere gli operatori e il loro lavoro in équipe; chiarisce le caratteristiche che sono necessarie in un educatore.
Una preparazione pedagogica non si improvvisa, ma deriva da una ricerca appassionata e permanente, e dalla conoscenza degli strumenti più adatti a comprendere e ad agire.
Il libro è nello stesso tempo semplice e ricco. Vittorio Mariani ci indica un cammino di speranza e ci dà appoggio e fiducia. Egli crede nella possibilità di costruire una società migliore il cui modello è già presente in tante comunità. Il pensiero e l’esperienza di Jean Vanier sottolineano in molte pagine i suoi argomenti. Non possiamo che condividerne l’ispirazione.

Qui di seguito proponiamo alcuni brani di questo libro che vivamente consigliamo di leggere.

Natalia Livi, 1995

Natalia Livi, è stata una delle storiche collaboratrici di Ombre e Luci. Ha contribuito alla rivista dal 1991 al 2004.

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n.49, 1993

Sommario

Editoriale

Un tema difficile e delicato di M. Bertolini

Articoli

Domande e osservazioni dei genitori
L'educazione sessuale delle persone handicappate di V. Mariani
All’età in cui si cambia di M. Odile Réthoré
Come dirti, come spiegarti? di M. Peeters (medico)
Dialogo come cura di A. D. (medico)
Voglio sposarmi di J. Vanier
Il coraggio di parlare con loro di A. M.
Centro Artigianale di Bastia Umbra di N. Schulthes

Rubriche

Dialogo aperto

Libri

Un libro risponde di N. Livi

L’educazione sessuale delle persone handicappate – Un libro risponde ultima modifica: 1995-03-16T18:39:03+00:00 da Natalia Livi
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi