Per due anni consecutivi abbiamo celebrato una liturgia penitenziale, in occasione di alcuni ragazzi (18-30 anni) che si accostavano per la prima volta al Sacramento del Perdono.

Prima celebrazione penitenziale
Come sfondo abbiamo due quadri ingranditi del libro di J. Vanier «Ho incontrato Gesù»:
Gesù salva una pecorella dalle spine;
Gesù fa pascolare le pecorelle.
I tre ragazzi, che si accosta- no per la prima volta al Sacra- mento del Perdono, sono rappresentati da tre pecorelle di cartone, con i loro nomi, messe davanti al primo quadro in un piccolo cespuglio di spine. La celebrazione inizia con il canto «Donaci, Signore, un cuore nuovo», poi vengono spiegati i quadri.
Dopo la lettura del Vangelo della pecorella perduta (Lc 15), il celebrante (P. Enrico Cattaneo S.J. venuto da Napoli) fa un breve commento del Vangelo e fa ripetere a tutti il «Confesso a Dio onnipotente…» con gesti particolari.
Quindi i tre ragazzi, a turno, prendono le loro pecorelle e vanno a confessarsi. Durante la Confessione, Padre Enrico, che ha indossato una stola rossa, simbolo del Sangue di Gesù, mette la stola sulla testa del ragazzo.
Terminate le Confessioni, ogni ragazzo mette la sua pecorella tra i fiori davanti al secondo quadro, quello di Gesù che fa pascolare le pecorelle. La celebrazione termina con la benedizione di Padre Enrico e canti e feste.

Seconda celebrazione
La celebrazione inizia con il canto « Vieni, vieni, Spirito d’Amore », seguito dalla spiegazione della liturgia fatta da Padre Enrico Cattaneo.
Questa volta c’è un solo ragazzo che si accosta al Sacra- mento del Perdono per la prima volta e sarà lui il protagonista del mimo « Il figliol prodigo» durante la lettura del Vangelo (Lc 15).
Padre Enrico ha il ruolo del Padre nella parabola e riveste il figlio, al suo ritorno, di un camice bianco.
La parabola del Figliuol prodigo viene mimata una seconda volta; ma invece che dalla lettura del Vangelo il mimo viene accompagnato da una spiegazione del Sacramento del Perdono:
partenza del figlio = peccato;
miseria e lavoro con i maiali = pentimento;
ritorno del Padre = confessione con rivestimento del camice.
Terminate le Confessioni,
l’assemblea canta « Meraviglioso è il perdono del Signore» e si continua con la festa.

Tana Pelagallo, 1994

L'archivio di Ombre e Luci

Dossier Catechesi

Oggi le persone con handicap sono sempre di più integrate nella Chiesa. Ma quanti sforzi e quanta speranza sono ancora necessari affinché trovino il loro posto naturale nelle parrocchie e ricevano la vita di Dio... continua

Riflessioni

Al primo posto di Stefano Desmazieres
Pietre di paragone di Padre Joseph Mihelcic s.j.
Abbiamo tutti bisogno dei sacramenti di Padre Luciano Larivera
La tua Parola è per tutti di Lucia Bertolini
Dio non fa differenze di Marie Hélène Mathieu

Percorsi

Catechesi anche per le persone autistiche di Henri Bissonier
Come preparare al sacramento di Paul Gilbert
Confessione di Tana Pelagallo
Il nostro cammino di Tommaso Bertolini
Catechesi facilitata di don Andrea Lonardo
Come rendere viva la messa di Padre Noel Simard

Testimonianze

Temevo di non essere accettata come catechista di Gaia Valmarin
Vieni, spirito di vita di Silvia e Monica
Ho camminato vicino a Marco di Roberta Tarantino
La loro e la nostra cresima di Pietro Vetro
Tenendoci per mano di Luca Dominici
...E aspettò che ci accorgessimo di lui di don Vito Palmisano

 

Altri dossier

Autismo

Chi ha avuto un figlio autistico, chi ha diviso la sua vita insieme ad un ragazzo con questo tipo di problemi, sa. Chi non ha vissuto questa esperienza non può sapere... continua

Noi Papà

Sono spesso criticati o presi in giro dalle mamme per la loro incompetenza nell’accudire un figlio appena nato; sono giudicati severamente dalle mogli più buone quando, invece di rimproverare, si fanno partecipi del chiasso o del disordine al momento di andare a tavola... continua

Confessione ultima modifica: 1994-09-07T10:52:35+00:00 da Tana Pelagallo
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi