«Signore, fa di me uno strumento della tua pace! Signore fa di me uno strumento del tuo amore!»
Strumento di pace e di amore, ecco la realtà in cui ho vissuto i giorni di Assisi. Strumento, e sottolineo la parola, perché qualche volta io personalmente, dimentico di essere strumento. È quello il momento in cui, se da un lato scopro i miei infiniti limiti e il mio non essere niente, dall’altro lato scopro l’infinita grandezza di Dio e il suo essere tutto.

Uno di quei momenti è stato durante la celebrazione della S. Messa preparata dal Sud. Tutta una preparazione fatta anche di nervosismi, di tensioni, di inesperienza; una preparazione che ci portò a piazzarci nei pressi di S. Chiara un’ora prima dell’inizio della Messa, per essere pronti, per prevedere l’imprevisto. E poi ricordo la fila dei dieci sacerdoti che, con tanta pazienza e con un po’ di preoccupazione, attendevano il via, e poi l’uso di un «telefono senza filo», che partiva con un messaggio e arrivava con un altro, tant’è che Rosario di Palmi, che avrebbe dovuto leggere la prima preghiera (poi non fu più letta né la prima, né l’ultima) si trovò infilato in mezzo al coro e dopo, suppongo, un po’ di perplessità, pensò bene di mettersi a cantare.
E poi ricordo il momento improvviso dell’offertorio, che più che una sfilata, assomigliò tanto alla «carica dei 101».

Ecco, quello fu il momento in cui si accese la spia rossa del mio sistema nervoso, ma fu anche e soprattutto il momento in cui, per quel poco di impegno che era stato affidato a me, toccai il mio limite, fu il momento in cui (l’ho capito solo dopo) avrei dovuto pregare: «Signore, pensaci tu!» e non lo feci. Ma sicuramente (e questo è comunità) lo fece qualcun altro, perché fu il momento in cui Dio, che non abbandona mai i suoi figli, ci pensò ugualmente, perché la Sua presenza entrò nel cuore di tutti e ci fu molta commozione.
E allora, come ho visto fare ad Assisi da un ragazzino mongoloide, anch’io mi metto sull’attenti sotto la Croce e prego: «Signore, fa di me uno Strumento, e sottolineo strumento, della tua pace».

di Luisa Spada, 1986

Signore, fà di me uno strumento della tua pace… ultima modifica: 1986-06-22T10:59:14+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi