Dopo due pellegrinaggi ad Assisi (nel ’78 e ora nell’86), penso che dobbiamo considerare S. Francesco come particolarmente vicino a noi. Cerco di riassumerla in qualche punto, in cui vorrei esprimere anche la mia esperienza di Assisi ’86.

I. Spiritualità dei poveri

Francesco ha scelto la povertà come compagna della sua nuova vita. Cerchiamo di capire: oggi si parla tanto di lotta contro la fame, la miseria, la disoccupazione… Tutto ciò è giusto e santo, ma non è qui il problema. Ciò che Francesco ha capito è la proposta sconvolgente del Vangelo di scegliere come progetto di vita la povertà, o meglio, Cristo povero. Credo che anche tra noi cristiani, pochi hanno compreso veramente questo messaggio. Eppure Gesù lo ha posto come condizione perché ci siano tra gli uomini rapporti nuovi, basati sulla condivisione, non sul potere. Noi, forse, siamo più vicini a questa grazia, perché toccando con mano la «povertà» di tante nostre situazioni, se accettiamo di farle rientrare in un «progetto di vita» che è quello del vangelo, le vedremo trasformarsi nella misteriosa fecondità della croce.

II. Spiritualità della fraternità

Francesco vestiva di sacco, ma non era un misantropo. Amava stare con i fratelli. Chiara lo ha seguito. Certo, la fraternità deve essere basata sull’impegno, sul senso di responsabilità, sul servizio e, quando occorre, anche sul sacrificio. Ma l’amore fraterno è anche un balsamo… «Ecco quanto è buono e quanto è soave che i fratelli vivano insieme !» (Sal. 133, 1). Un peso portato insieme è più leggero. Il dono che i nostri ragazzi ci fanno è proprio quello di farci scoprire questa realtà, oggi così difficile a vivere in maniera semplice e casta: liberare un’affettività che non sia bramosia o gretto spirito di gruppo, ma intenso amore fraterno, senza frontiere.

III. Spiritualità della lode

Francesco è l’uomo della lode. Lodare vuol dire lasciar cantare il cuore, perché «è bello dar lode al Signore» (Sal. 92,2). Ogni volta, nei nostri incontri, riscopriamo il miracolo della festa e della lode. Chi ha accolto questo dono ha sperimentato che la lode non è la soluzione ai nostri problemi — che restano — ma è la strada giusta per affrontarli. Commiserarci, rattristirci, ripiegarci su noi stessi non serve né a noi né a chi dobbiamo aiutare. La lode libera in noi energie di vita, di amore e di perdono; la lode è fonte di riconciliazione, soprattutto con quel Dio che siamo spesso tentati di accusare. Grazie, Francesco, per essere venuto a camminare con noi!

di Padre Enrico Cattaneo, Assisi, 1986

Grazie San Francesco per essere venuto a camminare con noi ultima modifica: 1986-06-24T10:46:40+00:00 da admin
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi