Perché un’altra rivista? Ce ne sono già troppe!
Questa frase ce la siamo sentita dire quando si pensava di far uscire Ombre e Luci. E abbiamo esitato un po’, dubbiosi che ne valesse la pena.
A distanza di due anni, gli abbonamenti aumentano, ci vengono da ogni parte d’Italia, da piccoli paesi e da città. Questo ci incoraggia a proseguire gli scopi che ci eravamo prefissi. È bene ricordarli.
Ombre e luci vuole

  • Essere uno strumento di aiuto per i genitori con un figlio portatore di handicap, non tanto sul piano medico-riabilitativo (per questo ci sono riviste più qualificate e competenti) quanto sul piano educativo, psicologico, spirituale.
  • Informare quanti non sanno bene che cosa siano gli handicap affinché possano capire di più chi ne è colpito per accoglierlo e amarlo meglio.
  • Suscitare intorno alle famiglie – tanto spesso isolate e rinchiuse nel proprio dolore – il maggior numero di persone «amiche», pronte cioè a condividere gioie e dolori, successi e prove, e a rivolgere uno sguardo nuovo su chi è considerato erroneamente soltanto «una disgrazia», così che genitori e amici insieme possano scoprire e amare la persona al di là dell’handicap.
  • Favorire l’inserimento e l’integrazione delle persone handicappate nella società e nella chiesa.

A questi scopi che Ombre e Luci si propone, siete chiamati tutti voi, amici lettori, ai quali diciamo il nostro grazie per aver rinnovato l’abbonamento e ai quali ripetiamo l’invito a collaborare con noi per sentirsi insieme una famiglia dove ritrovarsi fa bene al cuore.

Mariangela Bertolini, 1985

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi