Crisi parziali complesse (temporali o psicomotorie)

Durante la crisi: la persona può avere sguardo fisso, non rispondere o dare risposte inadeguate, se interrogato, sedersi, alzarsi od aggirarsi senza alcuna finalità, muovere le labbra o compiere movimenti di deglutizione o di masticazione.
Può dare l’impressione di essere ubriaco, oppure drogato.

  • Non cercate di fermare o di trattenere il soggetto
  • Allontanatelo da oggetti o situazioni pericolose, oppure cercate di evitare che si avvicini
  • Non scuotetelo
  • Se siete soli, non avvicinate coloro che vi appaiono molto inquieti o aggressivi.

Dopo la crisi: La persona, dopo aver ripreso coscienza, potrà trovarsi in uno stato di confusione o di disorientamento: sarà quindi opportuno non lasciarla sola sino a quando non si sarà del tutto ripresa.

Crisi generalizzata tonico-clonica (grande male)

Durante la crisi: la persona può cadere a terra, irrigidirsi e compiere bruschi movimenti, a scatti. A causa di difficoltà respiratorie, può inoltre presentare un colorito cianotico o pallido.

  • Aiutate la persona con crisi ad assumere la posizione sdraiata, ponendole inoltre qualcosa di morbido sotto il capo
  • Allontanate oggetti duri o taglienti che si trovassero nelle circostanze
  • Slacciate capi di vestiario troppo stretti
  • Non introducete nulla tra i denti
  • Non cercate di bloccare i movimenti degli arti, in quanto non è possibile fermare la crisi in atto.

Dopo la crisi: La persona può essere confusa e disorientata.

  • Girate il soggetto su di un fianco per consentire la fuoriuscita della saliva dalla bocca
  • Non date nulla, da bere o da mangiare, prima che la persona non si sia del tutto riavuta
  • Qualcuno vigili sul soggetto sino alla completa ripresa della conoscenza.
    Chiamare un’autoambulanza se:
  • al termine della crisi la persona non riprende a respirare (in questo caso iniziare una respirazione «bocca a bocca»)
  • la persona presenta più crisi, una dopo l’altra
  • la persona è ferita, oppure richiede espressamente l’intervento di un’ambulanza.
Epilessia: indicazioni di primo intervento ultima modifica: 1985-06-29T21:39:30+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi