Perché lontano da Dio

Ci sarebbe molto da scrivere sul tema dell'accoglienza della persona handicappata nella Comunità Cristiana sia in positivo — infatti nella storia, la Chiesa si è molto prodigata in questo senso — che in negativo: nelle nostre chiese vediamo rare persone...

Nessuno escluso

«Le testimonianze raccolte in questo fascicolo (Ombre e Luci n. 5) spingono le comunità cristiane ad approfondire sul piano teorico e pratico l’accoglienza verso gli handicappati» Quando penso ai rapporti tra la comunità cristiana e le persone in difficoltà, mi viene...

“Lei non entra”

Sabina è una ragazza gravemente handicappata, fisicamente e mentalmente fin dalla nascita: è cieca, cammina con un po’ di aiuto, non parla, e sembra non capire il linguaggio. Ma reagisce all’amore e al contatto fisico. A causa della relazione di amicizia con il suo...

Come le altre domeniche Anna

Anna è una mongoloide di diciotto anni, ultima di quattro figli. Da anni, ogni domenica, assiste con i suoi genitori alla messa parrocchiale. Pensando a tutte le famiglie come la sua che si interrogano sul posto dei loro figli nella Chiesa, il papà di Anna ha scritto...

Cottolengo e Don Guanella, tra pregiudizi e realtà

Che cos'è, veramente, un'istituto speciale? La stessa parola, per molti, evoca un luogo terribile, che ad ogni costo dobbiamo risparmiare ai nostri figli. Imbarazzata e meravigliata ho voluto saperne di più. E per questo, che cosa potevo fare di meglio se non andarli...

Secondo le possibilità e secondo il vangelo

Il contributo che le persone consacrate al Signore possono offrire ai più deboli, ai più fragili, ai più diseredati resta insostituibile. La società rifiuta in modo crescente il diritto all'esistenza delle persone gravemente handicappate: a passo a passo avanza la...

Basta la porta aperta?

Partecipano le persone handicappate mentali alla vita delle parrocchie, alle comunità liturgiche di Roma? Alcune parrocchie hanno accolto con entusiasmo, altre sono in benevola attesa, altre stentano ad aprirsi. La differenza è data spesso dalla presenza di un Gruppo...

Cosa dirvi di più

Stéphane Desmazières, nono figlio di una famiglia del Nord della Francia, prete nella diocesi di Lilla, per tredici anni vescovo di Beauvais, all’età del ritiro ha scelto la vita all’Arche. Ha vissuto due anni nel «focolare» dell’Ermitage a Trosly-Breuil, poi si è...

Vita Fede e Luce n. 5

Come siamo cambiati con Fede e Luce Stamattina mi sono alzata con una malinconia terribile. Mi sembrava di avere cento anni e il pensiero dell’oggi da vivere con tutti i problemi che porta con sé mi sembrava uno sforzo insopportabile. Non avevo nemmeno la volontà di...

Dialogo aperto n. 5

Lui mi ha sorriso con dolcezza Il mattino della scorsa domenica mi sono recata alla messa delle undici nella piccola chiesa di S. Maria in Trivio alla piazzetta dei Crociferi dove c’è sempre poca gente che desidera sentire la messa in silenzio e, soprattutto, un...

Dare a ciascuno una voce

Quale contributo la comunità dei credenti può dare all'accettazione e all'integrazione delle persone handicappate nella società? Questo libro, che fa una analisi accurata dell'argomento e dà precise indicazioni su come affrontare il problema delle persone...

Ombre e Luci n. 5 – 1984 – Sfogliabile ultima modifica: 1984-03-31T20:32:53+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi